-->  Motomondiale 2020:  GP di Qatar senza la classe regina. In Moto2 vince Nagaschima seguito da Baldassarri e Bastianini. In Moto3 vince Arenas seguito da McPhee ed Ogura - Mondiale SBK 2020: la 1^ Prova in Australia si conclude con la vittoria di Razgatlioglu (Gara1) e Lowes (Gara2) - Campionati It. Enduro 2020: sospesa la gara di apertura del 1° Marzo ad Anghiari - Mondiale Motocross 2020: la 1^ Prova in Gran Bretagna vede Herlings aggiudicarsi (Gara1) e Gajser (Gara2) - Campionato Reg. Enduro Puglia 2020: apetura di stagione il 22 Marzo a Bella (PZ)  <--

Notizie Stampa

Link

Marquez-GermaniaMarc Marquez e ancora Marc Marquez. Lo spagnolo della Honda conferma i favori del pronostico e si aggiudica il GP di Germania, nona prova del Mondiale 2019 di MotoGP. Sul tracciato del Sachsenring, il campione del mondo in carica, attuale leader della classifica iridata, vince in solitaria, conquistando il decimo successo in carriera su questa pista, il settimo consecutivo nella classe regina (49° nella massima cilindrata e il 75° in totale) . Potremmo chiamarlo “Marquezring” e non si farebbe di certo peccato, per quello che l’iberico ha messo in mostra nel corso dei 30 giri. Marc si è dunque imposto davanti alla Yamaha del connazionale Maverick Vinales (+4″587) e alla LCR Honda del britannico Cal Crutchlow (+7″741), impotenti dinnanzi a questa dimostrazione di forza.

Un colpo duro ai rivali, in ottica iridata, se si pensa al piazzamento della Ducati di Andrea Dovizioso (quinto a 16″669), mentre Valentino Rossi, sulla M1, conclude ottavo a 19″110 dalla vetta. Buon quarto posto per Danilo Petrucci con l’altra Rossa. Il forlivese è ora a 58 lunghezze dal fuoriclasse della Honda nella graduatoria generale.

Pronti, via e Marquez guadagna subito la testa con una staccata poderosa. L’iberico, d’autorevolezza, comanda davanti a Vinales, Miller, Rins, Petrucci, Quartararo, Dovizioso, Morbidelli e Rossi. Il Top Gun della Yamaha prova a marcare il codone della Honda “93” ma il ritmo imposto dall’asso nativo di Cervera è insostenibile. Si fa largo Rins che in poche tornate si libera della compagnia della Ducati Pramac e della M1, per portarsi all’inseguimento di Marc. Nel frattempo, in curva-3, saluta la compagnia il citato Quartararo: chiusura d’avantreno per lui e gara che finisce nella ghiaia.

Marquez on fire, non ha intenzione di giocare. La sua è una corsa di prestazione, in stile Casey Stoner dei bei tempi. Un martello l’iberico che, sul passo dell’1’21″5, aumenta il proprio margine nei confronti della concorrenza, soprattutto nei primi due settori della pista. In un battito di ciglia il distacco di Rins sale a 2″, mentre Vinales (3°) deve guardarsi dall’arrivo di un arrembante Crutchlow, con la LCR Honda. Segue notevolmente distanziato il trio delle Ducati capeggiato dalla GP19 Pramac di Miller, che si tiene dietro il “Dovi” e “Petrux”. Rossi è nono, alla spalle della Yamaha Petronas di Morbidelli.

A 15 giri dal termine il vantaggio di Marquez è nell’ordine dei tre secondi nei confronti del duo degli inseguitori precedentemente menzionato. Impazza, invece, la lotta per il quinto posto ed è Petrucci a forzare i tempi, prendendosi prima la posizione di Dovizioso e poi di Miller, per cercare di scappare. Un gruppo compatto di piloti in cui vi sono anche Morbidelli, Mir e Rossi. Tre tornate più tardi la corsa è scossa dalla caduta in curva-11 di Rins che, purtroppo per lui, concede il bis dopo Assen (Olanda), vanificando un podio già scritto. Marc vince nuovamente in fuga e sale a cinque successi nel 2019 e Vinales con le unghie e con i denti difende la piazza d’onore dagli attacchi di Crutchlow. Petrucci (4°) si aggiudica il confronto interno con Dovizioso (5°) e Rossi conclude in ottava posizione.

Allegati:
Scarica questo file (Classifica MotoGp Germania.pdf)Classifica MotoGP[ ]

In Evidenza

ShareThis

Visite

2116916

Seguici su Facebook

Copyright © 2013. All Rights Reserved.