-->  Motomondiale 2019: MotoGP= Uno strepitoso Rins vince su Rossi e Miller. Dovizioso 4° Marquez out, Moto2= Domina Luthi su Schrotter e Navarro, Moto3= Vince Canet su Masià e Migno  Clicca qui per la Guida Servizi e la Circolare Gare FMI del 2019 - Assoluti d'Italia Enduro: Steve Holcombe si aggiudica la prima prova di stagione - Mondiale Motocross: In Trentino Gajser fa doppietta, Tony Cairoli resta leader nel mondiale - Mondiale SBK 2019: anche la 4^ Prova si conclude con una doppietta (tripletta con la Superpole) di Bautista su Ducati V4R- Manolo Morettini vince della 2^ Prova Under/23-Senior Enduro   <--

Notizie Stampa

Link

AnaCarrascoA soli 21 anni, Ana Carrasco (DS Junior Team) ha fatto la storia nel Campionato Mondiale FIM Supersport 300 conquistando il titolo nell’ultima gara della stagione sul Circuit de Nevers Magny-Cours. È la prima donna a vincere un mondiale, le sue prestazioni quest’anno sono state stupefacenti e la sua impresa sarà ricordata per molto tempo.

La spagnola inizia la sua carriera nel 2011 nel CEV 125 ed i suoi risultati le valgono un posto nel Campionato Mondiale Moto3™ nel 2013. Passa al WorldSSP300 nel 2017 ed inizia ad ottenere successi.

Tornata sul circuito che l’ha vista conquistare la prima vittoria, Carrasco si è laureata campionessa del mondo dopo una splendida lotta in Francia. Ma non ha avuto una stagione semplice e questo rende la sua impresa ancora più memorabile. In un campionato imprevedibile come il WorldSSP300, la sua tenacia ed il suo talento l’hanno portata in alto.

La stagione è iniziata a MotorLand Aragon e la spagnola ha conquistato una sesta posizione al debutto con il DS Junior Team, tagliando però il traguardo a soli 4 decimi dal vincitore. In sella alla Kawasaki Ninja 400, ha trovato il suo passo ed è volata verso Assen con qualcosa da dimostrare. Quarta alla bandiera a scacchi, ha chiuso a mezzo secondo dal vincitore dopo una gara complicata nell’imprevedibile WorldSSP300.

È stato al terzo Round della stagione all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola che si è candidata come contendente al titolo, vincendo la gara con 11 secondi di vantaggio sui rivali. Carrasco ha messo a segno una prestazione eccellente sotto il sole italiano e si è portata in testa alla classifica con tre punti di margine sugli inseguitori.

Il sensazionale stato di forma di Carrasco ha proseguito anche a Donington Park, un tracciato molto diverso da Imola ma che ha dato prova del fatto che fosse lì per restare. Passata sotto alla bandiera a scacchi con quattro secondi di vantaggio, la 21enne è apparsa inarrestabile quando si era arrivati a metà stagione. Il suo vantaggio in classifica infatti è incrementato fino a 22 punti.

Ma successivamente ha affrontato due gare complicate: solo undicesima all’Automotodrom Brno e decima al Misano World Circuit Marco Simoncelli, Carrasco è arrivata alla pausa estiva con 16 punti in più dei rivali a due gare dal termine.

A Portimao ha conquistato la sua prima vittoria nel 2017 ed era pronta a conquistare il titolo già in Portogallo. Ma la fortuna non è stata dalla sua parte nel penultimo Round della stagione e la lotta ha proseguito in Francia. Arrivata all’ultimo appuntamento con 10 punti di vantaggio, Carrasco è stata autrice di una prestazione memorabile che dimostra quanto merita il titolo.

Dopo i 12 giri di battaglia, Carrasco entra nella storia in quanto prima donna ad aver conquistato il titolo mondiale, con un 13° posto  in Francia.

In Evidenza

ShareThis

Visite

1813178

Seguici su Facebook

Copyright © 2013. All Rights Reserved.